Logo Rai3


Quinta puntata

Trasporti

Grazie ai combustibili fossili oggi possiamo spostarci con grande facilità e rapidità, ma il rovescio della medaglia è l'emissione di enormi quantità di gas a effetto serra e altre sostanze inquinanti.

 

Dal settore dei trasporti, secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia (IEA), proviene circa il 23% delle emissioni di CO2.


Mitigazione dei cambiamenti climatici, settore trasporti
(rapporto IPCC 2014)

https://www.ipcc.ch/pdf/assessment-report/ar5/wg3/ipcc_wg3_ar5_chapter8.pdf

 

Sezione “trasporti” del portale dell'IEA (Agenzia Internazionale dell'Energia): http://www.iea.org/topics/transport/


Ampio rapporto IEA su trasporti, energia ed emissioni.
Un po' datato (2009), ma ancora un buon punto di partenza per informarsi:
https://www.iea.org/publications/freepublications /publication/transport2009.pdf












News e documenti su trasporti, energia ed emissioni serra: www.internationaltransportforum.org

 

Infografica sullo stato del “parco auto” in Europa:

http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/images/b/ba/Passenger_cars_in_the_EU.png

Annuario ACI 2015 sul “parco auto” in Italia:  
http://www.aci.it/fileadmin/documenti/studi_e_ricerche/dati_statistiche/Annuario2015/Capitolo_1_2015.pdf

 

Altri dati e statistiche ACI sulla motorizzazione in Italia:

http://www.aci.it/laci/studi-e-ricerche/dati-e-statistiche.html

 

Rapporto ISTAT sulla mobilità urbana (2015):
http://www.istat.it/it/archivio/ambiente-ed-energia/pagina/2

 

Notiziario per l'ambiente urbano e l'ecologia, spesso contenente informazioni sulla mobilità: http://www.ecodallecitta.it/edizione/mondo/



Rapporto ACI-CENSIS sulla crisi dell'auto in Italia (2012): http://www.aci.it/fileadmin/documenti/studi_e_ricerche/ monografie_ricerche/RAPPORTI_ACI_CENSIS/ACI-CENSIS_2012.pdf

















Statistiche e politiche EU su trasporti ed emissioni: http://ec.europa.eu/clima/policies/transport/index_en.htm

http://ec.europa.eu/clima/policies/transport/vehicles/index_en.htm


Strategie future per la riduzione delle emissioni da trasporti
in Europa e nel mondo:

http://www.eutransportghg2050.eu/cms/

http://www.transportenvironment.org/

http://www.transportenvironment.org/publications/cop21-shipping-and-aviation-emissions-are-elephants-room

http://www.transport2020.org/


Alcuni dati sulla mobilità in Italia e in Europa, le vetture in circolazione, le emissioni...:

- Totale automobili circolanti in Italia (2014): 37,1 milioni

(erano 22,5 milioni nel 1985, +64%, dati ACI).


- Possesso di automobili: in Italia 62 ogni 100 abitanti nel 2013 (secondo posto in Europa dopo il Lussemburgo. Media europea: circa 50 vetture ogni 100 abitanti). Fonte: ACEA - European Automobile Manufacturers Association.

http://www.acea.be/statistics/tag/category/passenger-car-fleet-per-capita

 

- Percorso medio per automobile in Italia (2014): circa 35 km/giorno.

- La combustione di 1 litro di benzina libera 2,4 kg di CO2, mentre la combustione di 1 litro di gasolio ne libera 2,7 kg. 

- Emissioni medie delle automobili in Europa: 123 g CO2/km
(ma fino a 500 g nel caso di un SUV; ferrovia - non ad alta velocità -  35÷45 g per passeggero al chilometro)

http://www.acea.be/statistics/tag/category/key-figures

 

Grandi opere in Italia e in Europa, dal TAV al Ponte sullo Stretto
 

Tra i mezzi di trasporto, il treno è considerato il più ecologico in termini emissioni per chilometro per passeggero. Ma non sempre è così, dipende dal tipo di treno e di ferrovia. Le linee ad alta velocità che attraversano territori montuosi – come la nuova Torino-Lione in progetto in Val di Susa - sono tra le più esigenti in termini energetici e ambientali, inoltre molte volte queste grandi opere vengono realizzate nonostante le previsioni sulla loro effettiva utilità col tempo risultino sovrastimate, e gli interessi economici dietro la loro costruzione diventano l'unico motivo per cui non vengono accantonate.

 

Portale del Forum contro le Grandi Opere Inutili e Imposte:
http://www.presidioeuropa.net/


Il movimento No Tav, linea Torino-Lione: l'opposizione in Italia e in Francia

www.notav.eu

http://www.notavtorino.org/

http://controsservatoriovalsusa.org/

http://lyonturin.eu/

 

La difficoltà del dialogo tra popolazione, istituzioni locali e governo sul tema Tav:
http://www.valsusanotizie.it/2016/02/29/tav-la-risposta-sprezzante-di-delrio-ai-sindaci-della-val-susa/

 

Studi sul progetto della Torino-Lione (contributi di ricercatori del Politecnico di Torino o di relatori esterni che hanno partecipato a convegni presso il Politecnico): http://areeweb.polito.it/eventi/TAVSalute/

 

Comitato No Tav - Terzo Valico (linea ferroviaria ad alta capacità Genova-Tortona): http://notavterzovalico.info/

 
Autostrada Bre-be-mi: un flop privato a carico del pubblico: http://cdca.it/archives/15077

 

Ponte sullo Stretto di Messina:
http://www.nopontestrettomessina.it/
http://www.terrelibere.org/tag/ponte/

 

Muos (progetto di stazione per le comunicazioni satellitari militari Usa a Niscemi, Sicilia):
http://nomuos.org/it/
http://www.nomuos.info/

 

I conflitti per le grandi opere in Francia:

ACIPA - Association Citoyenne Intercommunale des Populations concernées par le projet d'Aéroport de Notre Dame des Landes, Loira: https://www.acipa-ndl.fr/


http://www.lemonde.fr/planete/article/2016/02/19/la-reforme-de-la-democratie-environnementale-est-en-bonne-voie_4868676_3244.html
http://www.lemonde.fr/planete/article/2016/02/18/notre-dame-des-landes-petite-histoire-de-la-plus-vieille-lutte-de-france_4868063_3244.html
http://www.lemonde.fr/planete/article/2016/02/19/notre-dame-des-landes-l-etat-dissimule-des-informations-defavorables-au-projet-de-nouvel-aeroport_4868158_3244.html

Articoli sui danni del nuovo canale di Nicaragua:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/07/29/nicaragua-fatti-e-bugie-sul-canale-che-tagliera-due-il-paese/1916642/

http://www.lindro.it/canale-nicaragua-progresso-distruzione/

 

Mobilità elettrica e sostenibile

 

La soluzione di mobilità più sostenibile rispetto alle emissioni dei gas di scarico è al momento quella del motore elettrico. I motori a combustione interna hanno un rendimento attorno al 25%, ossia il restante 75% dell'energia viene perso soprattutto sotto forma di calore, uno spreco energetico che non possiamo più permetterci.

Per rispettare gli obiettivi che ci si è dati alla Cop21 di Parigi, la IEA ha calcolato che nel 2030 almeno il 35% delle auto vendute al mondo dovranno essere elettriche.

 



Diffusione delle auto elettriche
in Italia e nel mondo: http://www.fondazionetelios.it/documents/ReportDefinitivo.pdf

http://www.fondazionetelios.it/documents/docpersito.pdf

 

Info sul mercato dei veicoli elettrici in Italia: http://www.ceiweb.it/index.php/it/cives-chi-siamo

Novità auto elettriche 2016:

http://www.rinnovabili.it/mobilita/modelli-auto-elettriche-2016-novita-costi-666/

 

Electric Drive Transportation Association, promozione della mobilità elettrica e ibrida negli USA: http://electricdrive.org/

 

Car-sharing a Torino: http://carsharingtorino.it/

 

Alpine Pearls, turismo e mobilità dolce sulle Alpi: http://www.alpine-pearls.com/it/

 

Progetto autobus a idrogeno in Trentino: http://www.ttspa.it/autobus_idrogeno

 

Programma EU su trasporti sostenibili: www.civitas-initiative.org

 

Norvegia, il primo traghetto completamente elettrico:

http://www.rinnovabili.it/mobilita/norvegia-ampere-primo-traghetto-elettrico-666/ 

 

Internet e telelavoro

 

Attraverso l'uso delle reti telematiche è possibile diminuire in maniera drastica già oggi i viaggi per incontri o riunioni, ma il futuro è quello del telelavoro.

La possibilità di lavorare da casa, evitando i tragitti casa-lavoro, non solo porterebbe benefici all'ambiente, ma aumenterebbe anche la qualità della vita di moltissime persone, almeno di tutti coloro che hanno un’attività professionale che non necessita di una presenza in un luogo fisso, inoltre ridurrebbe costi e rischi legati soprattutto ai viaggi in auto. 

 

Portale italiano sul telelavoro: http://www.telelavoro-italia.com/


Programma di telelavoro del Governo federale USA: https://www.telework.gov/


Rapporto sullo stato del telelavoro in Europa (2010):

http://www.eurofound.europa.eu/observatories/eurwork/comparative-information/telework-in-the-european-union

 

La tecnologia elettronica è quindi fondamentale per permetterci di adottare stili di vita più sostenibili. Anche con gli strumenti più tecnologicamente avanzati dobbiamo però fare i conti con il momento in cui arrivano a fine vita.  Proprio i dispositivi elettronici sono oggetti pieni di materiali rari e preziosi, una ragione in più per non gettarli in discarica ma inviarli verso un buon riciclo.


Coordinamento per la gestione dei rifiuti elettronici domestici, con info e dati: www.cdcraee.it

 

Portale informativo sui rifiuti elettronici, loro gestione, buone pratiche, situazione in Italia: http://www.e-rifiuti.it

 

Consigli di lettura su trasporti e grandi opere


 Roberto Cuda, Damiano Di Simine, Andrea Di Stefano  

Anatomia di una grande opera – La vera storia della Brebemi

(2015, Edizioni Ambiente)

http://www.edizioniambiente.it/libri/1093/anatomia-di-una-grande-opera/

 

Storia di una grande opera voluta da privati ma salvata da un intervento dello Stato italiano (320 milioni di euro!) allorché, pochi mesi dopo l'inaugurazione, ci si accorse che le previsioni dei flussi di traffico (e dunque degli introiti da pedaggio) erano state ampiamente sovrastimate.





Antonio Fraschilla 

Grandi e inutili”

(2015, Einaudi)

http://www.einaudi.it/libri/libro/antonio-fraschilla/grandi-e-inutili/978880622065

 

Un viaggio tra le numerose e faraoniche opere che in Italia, non supportate da reali necessità dei cittadini, hanno comportato grandi sprechi finanziari distraendo prezioso denaro pubblico da utilizzi più virtuosi e importanti. 







Domenico Gattuso 
“I nodi della logistica nella supply chain”
(2013, Franco Angeli)

https://www.francoangeli.it/Ricerca/Scheda_libro.aspx?ID=21931 

 

In un mondo globalizzato, la logistica nei siti di interscambio è fondamentale per una corretta gestione dei flussi di merci, con ricadute sul territorio e sulle economie, dalla scala locale a quella più vasta.






Luca Mercalli, Luca Giunti (a cura di)
“Tav No Tav - Le ragioni di una scelta”
(2015, Scienza Express)

http://www.scienzaexpress.it/presa-diretta/261-tav-no-tav.html

 

TAV sì o TAV no? Scegliere consapevolmente è un diritto-dovere dei cittadini Per farlo occorre ascoltare voci differenti e approfondire i fattori in gioco. La trattazione scientifica e rigorosa evita prese di posizione ideologiche e si basa su fatti e documenti prodotti da esperti in varie discipline. TAV NO TAV propone un approccio multidisciplinare che può essere adottato per altre grandi opere che costellano Italia ed Europa.

  





Andrea De Benedetti, Luca Rastello
“Binario Morto. Alla scoperta del Corridoio 5
e dell'alta velocità che non c'è”

(2013, Chiarelettere)

http://www.chiarelettere.it/libro/reverse/binario-morto-9788861903753.php

 

Si parla spesso di Tav in merito alla Val di Susa, ma quasi mai di cosa accade a Ovest e a Est. In questa inchiesta i due autori sono andati a verificare la situazione lungo il “Corridoio 5” dal Portogallo all'Ucraina.

 

 


 
A cura di Livio Pepino

Come si reprime un movimento: il caso Tav”

(2014, Ed. Intra Moenia – Quaderni del Controsservatorio Valsusa)

http://www.intramoenia.it/libri/come-si-reprime-un-movimento-il-caso-tav/

Il movimento di opposizione alla linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione sta diventando sempre più il crocevia di questioni fondamentali per la nostra democrazia: il tipo di sviluppo, l’informazione, i processi di partecipazione alle decisioni politiche ed economiche, il rapporto tra i margini e le istituzioni centrali, il senso della dialettica tra maggioranza e minoranze, gli orientamenti della giurisdizione di fronte al conflitto politico e sociale e molto altro ancora. Questo primo quaderno del Controsservatorio Val Susa affronta, con analisi di esperti e materiali giudiziari inediti, il tema della repressione in atto del Movimento No TAV.


A cura di Paolo Mattone 

Tav e Valsusa. Diritti alla ricerca di tutela”
(2014, Ed. Intra Moenia – Quaderni del Controsservatorio Valsusa)

http://www.intramoenia.it/libri/tav-e-valsusa-diritti-alla-ricerca-di-tutela/

 

Il secondo quaderno racconta il tormentato quarto di secolo di lotta contro il Tav Torino-Lione seguendo il filo rosso del tentativo di prendere la parola dal basso, lo arricchisce con dieci documenti particolarmente significativi e contiene infine l’esposto recentemente presentato al Tribunale Permanente dei Popoli per chiedere una pronuncia di carattere etico a tutela di diritti fondamentali fin qui negati.

 

A cura di Guido Rizzi e Angelo Tartaglia
“Il Tav Torino-Lione. Le bugie e la realtà”
(2015, Ed. Intra Moenia – Quaderni del Controsservatorio Valsusa)

http://www.intramoenia.it/libri/il-tav-torino_lione-le-bugie-e-la-realta/

 

C'è, nella venticinquennale vicenda della nuova linea ferroviaria Torino-Lione, una costante: la diffusione, da parte dei promotori, di notizie e dati invertirei e di previsioni fantasiose e prive di ogni attendibilità scientifica. Non per caso. Occorreva (e occorre) far credere all’opinione pubblica e ai decisori politici che la vecchia linea è ormai satura (o prossima a saturazione), che il futuro vedrà una crescita esponenziale dei traffici tra Italia e Francia, che la nuova linea produrrà risparmi energetici e benefici ambientali, che i sindaci e le popolazioni sono stati consultati e convinti. La verità è tutt’altra. Lo dimostrano le analisi e i documenti pubblicati in questo quaderno, che svelano i reali interessi in gioco e le bugie che hanno costellato la progettazione dell'opera.

 

Livio Pepino
Il Tribunale permanente dei popoli – Le grandi opere e la Valsusa
(2016, Ed. Intra Moenia – Quaderni del Controsservatorio Valsusa)

http://www.intramoenia.it/libri/il-tribunale-permanente-dei-popoli-le-grandi-opere-e-la-valsusa/

 

La sentenza emessa l’8 novembre 2015 dal Tribunale permanente dei popoli è storica. Si attesta che, in Val Susa, «è stato omesso uno studio serio di impatto ambientale del progetto nel suo complesso, prima della sua autorizzazione; non si è garantita alle comunità coinvolte una informazione completa né veritiera in tempi sufficientemente precoci; si sono esclusi gli individui e le comunità locali da ogni procedura effettiva di partecipazione nella deliberazione e nel controllo della realizzazione delle opere ...». Le conseguenti raccomandazioni al Governo italiano sono esplicite: aprire un confronto reale esteso a tutte le opzioni sul tappeto (compresa la “opzione Zero”) e, in attesa del relativo esito, sospendere i lavori del cantiere della Maddalena e l'occupazione militare della zona.

 


Daniel Ibanez 

“Trafics en tous genres"

(Ed Timbuctu)

http://timbuctueditions.fr/index.php?post/17/Trafics-en-tout-genre%2C-le-projet-Lyon-Turin%2C-par-Daniel-Ibanez

L'autore, economista, indaga sulle procedure e sugli interessi che ruotano intorno ai progetti delle grandi opere, focalizzandosi sul caso della Lione-Torino, di cui analizza gli enormi costi, l'inadeguatezza, le conseguenze sull'ambiente e le minacce poste al processo democratico che dovrebbe regolare le politiche territoriali.




Daniel Ibanez

“Lyon - Turin, Les réseaux déraillent"

(2015, Ed Timbuctu)

http://timbuctueditions.fr/index.php?post/44/A-para%C3%AEtre-%3A-Lyon-Turin%2C-Les-r%C3%A9seaux-d%C3%A9raillent-de-Daniel-Ibanez

 

Lettera di Daniel Ibanez a un giudice amministrativo sul tema della Lione-Torino.






Anna Donati, Francesco Petracchini 

“Muoversi in città”

(2015, Ed. Ambiente) 
http://www.edizioniambiente.it/libri/1083/muoversi-in-citta/


L'inquinamento dell'aria impone un ripensamento della mobilità privata e collettiva nelle città: car-sharing, car-pooling, auto elettrica, bicicletta, nuove reti tramviarie e metropolitane, sono solo alcune delle parole-chiave per rivoluzionare il nostro modo di muoverci.







Carlo Iacovini 

“Car Sharing”

(2015, Ed. Ambiente)

http://www.edizioniambiente.it/libri/1043/car-sharing/

 

Quella del car-sharing pare davvero un'idea vincente, economica e sostenibile per liberare spazio nelle nostre città da destinare alla mobilità pedonale o al verde, migliorando la qualità dell'aria e della vita.











Rai.it

Siti Rai online: 847